Iscriviti alla nostra newsletter Le nostre ultime newsletter

Gli eurodeputati del PDE ci spiegano perché hanno scelto di lottare per l'Europa

Le lingue, le culture, le differenze regionali e le iniziative locali devono essere rispettate poiché sono la risorsa più potente dell'Europa.

La questione della mobilità europea con erasmus +

Laurence Farreng MEP at EDP Council

Laurence Farreng, deputata europea francese, ci spiega l’importanza del programma Erasmus + per favorire la mobilità degli apprendisti in Europa

Tutti conosciamo l'Erasmus. Un programma di mobilità per studenti. Ebbene no, è più di questo. Erasmus + è un programma di mobilità per tutti i giovani, qualunque sia il loro corso di studi e anche qualunque sia la loro età, dato che possono partire già dalla scuola primaria.

Quello su cui ho lavorato molto nell'ambito di Erasmus + è la questione della mobilità europea per gli apprendisti. Perché lo faccio? Perché la mobilità, come sappiamo, porta al lavoro. Permette l'acquisizione di nuove competenze formali e informali: lingua, versatilità, incontro con nuove culture. Si torna arricchiti e quindi più assumibili. Quindi Erasmus + è oggi un programma che è stato raddoppiato in termini di budget e soprattutto che ha integrato due nuove categorie di cittadini e di giovani. L'apprendistato in particolare.

Far viaggiare gli apprendisti è complicato. È complicato perché non abbiamo questa cultura nelle nostre aziende e perché abbiamo molti modi diversi di operare su scala europea. Ora, con Erasmus +, la mobilità a lungo termine per gli apprendisti è possibile, il che significa che si possono dare borse di studio ai giovani che sono idonei per questi programmi. Le aziende devono approfittarne. I centri di formazione degli apprendisti devono approfittarne. Ed è così che costruiremo questa Europa dell'apprendistato affinché, ancora una volta, sempre più giovani possano uscire e formarsi, acquisire competenze formali e informali, acquisire lingue e adattabilità per il mondo del lavoro.

Io stesso sto lavorando all'interno della Fondazione Euro App Mobility per convincere i responsabili delle aziende e i CFA a semplificare tutto il sistema e a permettere queste mobilità di lunga durata per acquisire nuovi profili, ma soprattutto perché l'Unione Europea ha bisogno di mettere in rete tutte queste competenze per la transizione ecologica e per tutti i progressi fatti nel digitale.

Leggi l'intervista completa sul sito del nostro membro francese Mouvement Démocrate