Iscriviti alla nostra newsletter

Uno sguardo indietro alla settimana della nostra delegazione parlamentare a Washington DC

È particolarmente importante che i democratici di entrambe le parti lavorino insieme più strettamente.

Verso una politica agricola comune più verde, più equa e più resistente

round haystack of straw on the field

I democratici europei sono stati in prima linea nel compromesso finale adottato oggi nella sessione plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo a favore di una modernizzazione strutturale della politica agricola comune in modo che la produzione agricola possa combinare la competitività economica con gli obiettivi sociali e ambientali del Green Deal.

Ulrike Müller (Freie Wähler), deputato tedesco e vicepresidente esecutivo del PDE è stata la relatrice parlamentare per la regolamentazione orizzontale della PAC: "Oggi è un giorno storico per la nuova PAC, un giorno in cui si volta pagina verso una PAC più ambiziosa dal punto di vista ambientale, socialmente consapevole e orientata ai risultati. Il nuovo modello di attuazione che abbiamo messo in moto garantirà che la PAC si concentri realmente sul raggiungimento dei suoi obiettivi e si allontani dal semplice rispetto delle regole. Il Parlamento ha anche incluso delle salvaguardie che garantiranno che i pagamenti della PAC siano più trasparenti e che gli interessi finanziari dell'UE siano protetti in modo migliore. Tutto sommato, credo che questa PAC sarà davvero un successo".

L'eurodeputato italiano e vicepresidente di Renew Europe Nicola Danti (Italia Viva) ha spiegato: "A reformed CAP focused on sustainability: environmental, social and economic. A quarter of direct aid for farmers will be dedicated to eco-schemes, rewarding those who engage in farming practices that benefit the climate and the environment. " e conclude che : "I say that good politics, on the other hand, is precisely this: knowing how to find that balance which perhaps displeases everyone a little but which leads to concrete results and real progress."