Iscriviti alla nostra newsletter Le nostre ultime newsletter

Gli eurodeputati del PDE ci spiegano perché hanno scelto di lottare per l'Europa

Le lingue, le culture, le differenze regionali e le iniziative locali devono essere rispettate poiché sono la risorsa più potente dell'Europa.

Decoster alla plenaria del CofoE discute di migrazione, identità, valori, apprendimento permanente

Decoster COFE
Renew CoR

Alla penultima sessione della Conferenza sul futuro dell'Europa, il Presidente del CdR Renew Europe François Decoster ha discusso il legame tra l'apprendimento permanente e la promozione di un'identità europea, concentrandosi sul ruolo degli enti locali e regionali nella promozione dei valori europei.

François Decoster ha visto la plenaria come un processo di scambio e di concertazione unico in cui i rappresentanti eletti locali e regionali hanno portato proposte concrete per favorire un'Europa più vicina ai suoi cittadini.

François Decoster, presidente del CdR Renew Europe e sindaco di Saint-Omer, ha detto: " Sollevando l'istruzione, la cultura e lo sport, abbiamo parlato di un'identità europea - non vogliamo che questa identità si affermi solo quando si affronta una crisi - come ora con una guerra alle nostre porte. Dovremmo sentirci europei ogni giorno, ogni mese, ogni anno: L'Europa dovrebbe essere più presente nella nostra cultura, nella nostra educazione, in tutti i nostri scambi attraverso lo sport e il multilinguismo. Ho parlato delle nostre iniziative all'interno del Comitato europeo delle regioni per migliorare le relazioni con 1,1 milioni di rappresentanti eletti a livello locale e regionale attraverso un Erasmus per i rappresentanti eletti a livello locale, una rete di consiglieri europei nelle nostre assemblee locali,... per rendere i rappresentanti locali un vero relè e punto di contatto per l'Europa. 

Qualcuno qui ha detto che quando noi, rappresentanti eletti, e i cittadini ci incontriamo in un emiciclo costruiamo una nuova democrazia. No, questa non è una nuova democrazia, è la democrazia punto e basta. È la democrazia che noi sindaci o funzionari locali eletti pratichiamo ogni giorno nei nostri comuni, consigli locali, ...ed è quella democrazia che dobbiamo mantenere viva ed è per questo che il futuro dell'Europa si farà con i rappresentanti locali e regionali".