Iscriviti alla nostra newsletter

Uno sguardo indietro alla settimana della nostra delegazione parlamentare a Washington DC

È particolarmente importante che i democratici di entrambe le parti lavorino insieme più strettamente.

Dichiarazione a sostegno delle donne in Belarus di Sylvie Brunet e i parlamentari di Renew Europe membri della Commissione FEMM

Women in Belarus
Mazur Travel | Shutterstock.com

Scriviamo questa dichiarazione a sostegno delle numerose donne in Belarus che marciano, protestano, e lottano per i loro diritti e la libertà. Come membri di Renew Europe della Commissione per i diritti delle donne e l'uguaglianza di genere del Parlamento europeo (Renew FEMM), condanniamo con forza le azione portate avanti dal Presidente Lukashenko, che minano i principi democratici e la partecipazione delle donne alla vita politica, diffondendo altresì stereotipi di genere.

Le donne sono state le promotrici del cambiamento all'interno del movimento, prima e dopo le recenti elezioni presidenziali. Sotto la guida di Maria Kolesnikova, Svetlana Tikhanovskaya e Veronika Tsepkalo, le donne hanno unito le loro forze per sfidare Lukashenko, al potere da oltre 25 anni, e sono in prima linea nella raccolta firme, organizzazione di campagne e di proteste non violente per le strade, anche durante la repressione attuata contro il dissenso democratico.

Tuttavia, non sono mancate ripercussioni da parte del regime. Abbiamo assistito ad azioni preoccupanti che sono inumane e antidemocratiche. Leader politici donne come Tikhanovskaya e Tsepkalo hanno dovuto lasciare il paese e/o sono state espulse e c'è stato un tentativo per deportare con la forza Kolesnikova, che ora è in prigione.

Chiediamo il rilascio immediato di Kolesnikova e un ritorno in sicurezza di Tikhanovskaya e Tsepkalo in Belarus con le loro famiglie. Chiediamo anche che queste pratiche antidemocratiche cessino immediatamente e che la partecipazione delle donne alla vita politica non sia ostacolata con l'uso della forza o pratiche intimidatorie. Tali azioni sono aberranti per i nostri valori europei e i principi di parità di genere. Non le accetteremo.

Infine, come Membri di Renew Europe che lottano per l'uguaglianza di genere, le dichiarazioni rese dal Presidente Lukashenko in cui ha affermato stereotipi di genere per minare l'ondata di consenso verso il movimento di opposizione e i suoi leader ci sgomenta. Queste donne hanno dovuto sopportare attacchi sessisti anacronistici e retrogradi durante la loro campagna, secondo i quali le donne non avrebbero potuto sopportare l'onere della leadership - tali affermazioni sono state confutate dal coraggio e dai sacrifici compiuti dalle donne in tutta la Belarus. Malgrado ciò, questa retorica danneggia il progresso verso l'uguaglianza di genere, la partecipazione delle donne alla politica e la democrazia.

Continuiamo a trarre esempio e incoraggiare il movimento bielorusso, e le tante donne in Belarus, che continuano a lottare per una vera democrazia. Queste donne hanno disperato bisogno di sostengo e come Renew Europea aderiamo alla catena di supporto e solidarietà per le donne che si sta sollevando in nome della democrazia. Non sono sole.

Samira Rafaela

María Soraya Rodríguez Ramos

Sylvie Brunet

Chrysoula Zacharopoulou

Karen Melchior

Radka Maxová

Irene Tolleret

Susana Solís

Abir Al-Sahlani

Hilde Vautmans