Iscriviti alla nostra newsletter Le nostre ultime newsletter

Gli eurodeputati del PDE ci spiegano perché hanno scelto di lottare per l'Europa

Le lingue, le culture, le differenze regionali e le iniziative locali devono essere rispettate poiché sono la risorsa più potente dell'Europa.

Meritare Europa! Italia viva ospita un’altra edizione di successo della sua scuola estiva insieme al Partito Democratico europeo

Ponte di Legno - Danti, Farreng & Gozi
Leo Wilkinson

“L’Europa non può essere solo finanza, burocrazia o memoria del passato. L’Europa dovrebbe invece essere questo: combattere gli incendi boschivi in Grecia, affrontare i motivi per cui i ghiacciai si stanno sciogliendo e fare fronte alle conseguenze delle alluvioni in Germania”, ha sostenuto l’ex Presidente del Consiglio italiano e attuale leader di Italia Viva, Matteo Renzi, all’apertura della scuola estiva 2021 a Ponte di Legno. “Ci troviamo qui per combattere il populismo, familiarizzare con la politica, discutere del nostro futuro comune come continente e studiare la nostra realtà”, ha aggiunto.

A ciò ha fatto seguito una scuola di formazione di tre giorni per 400 giovani sotto ai 30 anni provenienti da tutta Europa, co-organizzata da Italia Viva, dal Partito democratico europeo e da Renew Europe. L’evento ha riscosso un grande successo grazie alla sua abbondanza di conferenze, workshop, dibattiti, discorsi programmatici e ospiti speciali. I Giovani Democratici Europei erano ben rappresentati da partecipanti provenienti da Francia, Paese Basco e Croazia.

Durante la scuola estiva sono intervenuti tre eurodeputati del Partito Democratico europeo: il segretario generale Sandro Gozi, Nicola Danti e Laurence Farreng. Mercoledì sera hanno condotto una serie di workshop con studentesse e studenti, mentre giovedì mattina hanno organizzato la tavola rotonda sulla democrazia europea.

“Le nostre democrazie sono sotto attacco a causa dell’ingerenza straniera: lo abbiamo visto con la Brexit, durante le elezioni negli Stati Uniti con Trump e ogni giorno online sui social. Ecco perché il presidente Macron ha ragione quando parla dell’importanza dell’autonomia strategica dell’Europa: tutti devono fare un passo verso la costruzione della resilienza e della difesa dell’Europa”, ha affermato Sandro Gozi.

Nel corso del workshop dell’eurodeputata francese Laurence Farreng sull’importanza della cultura e della presenza dei giovani nella politica dell’UE, un membro dei giovani democratici ha fatto notare che “dobbiamo rendere l’Europa di nuovo sexy!”. Farreng era pienamente d’accordo e si è spinta oltre, sottolineando che è grazie alla cultura che i cittadini si sentono più europei, fino a che punto sia importante per noi scrivere la nostra storia comune e che il rafforzamento di organi di informazione veramente europei è cruciale.

L’eurodeputato italiano Nicola Danti ha parlato più volte durante la scuola di come il Covid-19 abbia cambiato le nostre vite, le relazioni commerciali e la politica globale. “Possediamo forti vulnerabilità che dobbiamo contrastare e la mancata partecipazione alla politica commerciale internazionale rende l’Europa non solo isolata dalla politica globale, ma anche più vulnerabile”. Nel suo discorso conclusivo, Danti ha sottolineato che l’Europa ha ora una responsabilità molto importante: deve essere un motore del cambiamento, mediante investimenti nella sostenibilità, nella digitalizzazione e sfruttando al meglio il suo ruolo globale nel commercio.

Durante la scuola estiva, anche la Conferenza sul futuro dell’Europa è stata più volte oggetto di discussione, poiché rappresenta un’opportunità storica per cittadine e cittadini di tutta Europa di confrontarsi e dibattere sulle questioni europee e ciò si dimostra particolarmente importante per i giovani. Diversi studenti della scuola presenteranno quindi le proprie proposte sulla piattaforma online della Conferenza. “Assicuratevi di iscrivervi e fare sentire la vostra voce!”, ha concluso Gozi.

EDP - Italia Viva - Renew Summer School 2021 -  Ponti di Legno (IT) - 1-3 September 2021